Bisquit & Dubouché VSOP

Il cognac Bisquit & Dubouché VSOP, ossia Very Superior Old Pale, nasce da un blend di acquaviti più giovani, invecchiate per un minimo di 4 anni in botti di quercia francese. La qualità che contraddistingue questo cognac eccezionale è dovuta alla prestigiosa origine delle sue uve, tutte provenienti da quattro dei migliori cru della regione del Cognac.

Formato
0.7l
Gusto
Ricco e bilanciato nel suo intreccio di aromi. Dolce e morbido, con un finale lungo arricchito da note di caprifoglio, agrumi e mango.
Gradazione alcolica
40% vol.
Come gustarlo
Liscio, per valorizzare ogni sfumatura del suo gusto morbido e aromatizzato. Oppure con ghiaccio, per una degustazione meno impegnativa.

L’eredità di due gentiluomini

La storia del cognac Bisquit & Dubouché nasce dall’incontro di due gentiluomini francesi che, a inizio 1800, incrociano i loro passi in un’incantevole regione, a 450 km da Parigi, chiamata Cognac. I due gentiluomini si chiamano Alexandre Bisquit, visionario pioniere e ambizioso imprenditore, e Adrien Dubouché, esploratore creativo, esteta e bohemien. Alexandre, erede di una famiglia di distillatori produttrice di Cognac fin dal ‘700, ci mette l’intraprendenza e, a soli 20 anni, fonda la Maison Bisquit: è il 1819. Alexandre è uno dei primi a imbottigliare i suoi prodotti ed è inoltre artefice dell’esclusivo metodo di distillazione che è ancora alla base del cognac Bisquit & Dubouché. Adrien, appassionato di arte fino al midollo, ci mette la creatività e l’immagine: si deve a lui il disegno del primo logotipo del Marchio.

Una storia di successo

Verso la fine del 1800 Bisquit & Dubouché è il terzo cognac più esportato nel mondo. Intorno al 1910 è già presente in più angoli del mondo, dalla Germania al Messico, dall’Africa agli Stati Uniti, dalla Russia al Sud Africa, passando per Hong Kong e l’Indocina. In mezzo, ci sono i riconoscimenti all’Esposizione Universale di Londra del 1862 e la partecipazione a quella di Parigi, del 1889, in cui la Tour Eiffel viene presentata al mondo. Anche l’ultimo Zar di Russia, Nicola II, si appassiona al suo gusto ricercato. Nel 1900 le frequentazioni di Bisquit & Dubouché diventano sempre più glamour, con un blend dedicato alla leggendaria icona di stile Josephine Baker.

Il suo castello e il suo grifone

Le leggendarie cantine in cui invecchiano i blend più pregiati del cognac Bisquit & Dubouché si trovano nel castello costruito dalla famiglia Pellissons, alla fine del 1800, nel centro della città di Cognac. Le cantine sono protette dal Grifone, emblema che compare sulle bottiglie Bisquit & Dubouché. La presenza di un simile guardiano non guasta in un luogo in cui sono conservate 300 bottiglie rare, alcune delle quali risalenti al 1830.

Come nasce un cognac Bisquit & Dubouché

I cognac Bisquit & Dubouché provengono dalla proverbiale regione di Cognac e da quattro dei suoi cru, tra cui spicca per qualità l’area della Grande Champagne. Tutto ha inizio a ottobre con la vendemmia, principalmente delle uve Ugni blanc. Il vino ricavato viene sottoposto a una doppia distillazione che inizia a novembre e finisce a marzo. Il doppio procedimento ha l’obiettivo di purificare al massimo il liquido e di ricavarne tutta la complessità fruttata e floreale, per raggiungere un elevatissimo profilo aromatico che è spesso anche esito dell’esperienza, delle sensazioni e delle intuizioni del distillatore. L’acquavite ottenuta viene fatta invecchiare in botti di quercia realizzate a mano e provenienti dalle foreste del Limousin e Tronçais, famose per i loro legni e i loro tannini. È proprio l’alchimia con cui sono realizzate le botti a conferire sorprendenti note di caramello, caffè o mandorle tostate, al distillato. Il resto lo fanno la pazienza, l’armonia che si crea tra legno, aria e acquavite e, infine, l’arte della miscelazione. I prestigiosi cognac Bisquit & Dubouché sono infatti l’esito di selezionati blend di acquaviti che provengono da annate, crus e botti differenti: ognuna di loro apporta il suo carattere e la sua personalità per uno straordinario risultato finale.

Come si racconta ai sensi

Bisquit & Dubouché VSOP si lascia riconoscere per i lineamenti essenziali e moderni della sua bottiglia dall'inconfondibile tappo argento metalizzato. Anche il suo avvolgente color ambrato conquista subito la vista. Il suo fascino si esprime poi attraverso un ricchissimo bouquet di aromi: frutti maturi, come albicocca secca e miele, spezie dolci, come cannella e chiodi di garofano, e sfumature floreali, tra cui risalta la rosa. Questa assortita composizione aromatica scivola al palato con un andamento dolce e morbido e un lungo finale arricchito da note di caprifoglio, agrumi e mango.

Come si apprezza

Un cognac selezionato come VSOP di Bisquit & Dubouché può essere apprezzato liscio, per esaltarne la ricchissima composizione aromatica oppure on the rocks, per rendere il suo tocco ancora più rinfrescante. Ogni degustazione dei cognac Bisquit & Dubouché è inoltre un invito a valorizzare il proprio stile: siamo sicuri che saprai come personalizzare questa esperienza secondo la tua personale ricerca della bellezza e dell’eleganza.

Seleziona il paese di spedizione
close

Accedi

Bentornato